Condividi:

Al via da domani, grazie a un finanziamento regionale di 1.103.000 euro e ad una convenzione Regione – Anas – Comune, consistenti lavori di manutenzione delle strade che costituiscono il percorso urbano della tappa del Giro d’Italia di ciclismo – quella dell’8 maggio – che si concluderà a Caltagirone. Nella città della ceramica i migliori ciclisti del pianeta percorreranno circa 6 chilometri all’interno del centro abitato, secondo il seguente tragitto che coincide con le arterie interessate ai lavori di manutenzione: ingresso a Caltagirone attraverso il ponte San Bartolomeo, poi la via Cristoforo Colombo, il tunnel di collegamento con la circonvallazione di ponente, l’attraversamento di quest’ultima in direzione quartiere San Giacomo, la via Vittorio Emanuele e poi il “cuore” del centro storico con la piazza del Municipio, a due passi dalla Scala di Santa Maria del Monte (il monumento simbolo della città, che si offrirà così allo sguardo dei telespettatori collegati), la via Principe Amedeo, la piazza Umberto, la via Roma in senso discendente, l’incrocio San Luigi, la via Acquanuova, la via Cristoforo Colombo in direzione della zona nord, la difficile salita (pendenza del 10 per cento, un arrivo da tappa di montagna) della via Torre dei Genovesi e la conclusione della gara all’incrocio con il viale Regina Elena, a breve distanza dal liceo artistico “Luigi Sturzo”, nella parte più alta di Caltagirone.

Gli interventi in questione saranno effettuati dall’Anas, con cui il Comune collaborerà con lavori di rifinitura che riguarderanno tombini, caditoie e marciapiedi. Si concretizzeranno pure nell’eliminazione dei dossi in corrispondenza dei giunti nella via Cristoforo Colombo e nel rifacimento della segnaletica orizzontale.

Caltagirone sta mettendo a punto tutti gli aspetti logistici e organizzativi per accogliere nel migliore dei modi questo straordinario evento. Gli interventi al via sulle strade, frutto di una proficua triangolazione di rapporti fra la Regione, l’Anas e il Comune, si inseriscono in questo contesto. La Corsa rosa ha indubbiamente una forte e consolidata connotazione sportiva, ma è destinata a produrre pure indubitabili effetti positivi sulla promozione della nostra città a livello nazionale e internazionale, che siamo impegnati a capitalizzare con la maggiore efficacia possibile.

Condividi:

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *